Piani attuativi dei bacini estrattivi delle Alpi Apuane

ll Piano attuativo dei bacini estrattivi (Pabe in sigla) è uno strumento di attuazione del Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico regionale finalizzato ad assicurare una pianificazione delle attività d'escavazione che tenga conto sia del bacino estrattivo che del contesto paesaggistico di riferimento.
Si tratta di uno strumento essenziale per la pianificazione perché contiene le quantità sostenibili dei materiali estraibili con le relative localizzazioni ed individua cave, discariche e ravaneti da destinare a interventi di riqualificazione paesaggistica.
Il PIT-PPR, approvato con deliberazione del Consiglio regionale 27 marzo 2015, n.37 in copianificazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali prevede che, allo scadere del  periodo di salvaguardia fissato al 5 giugno 2019, ogni nuova attività estrattiva nonché la riattivazione di cave dimesse venga subordinata all’approvazione di un piano attuativo, di iniziativa pubblica o privata, riferito all’intera estensione di ciascun bacino estrattivo.

L’Amministrazione, con deliberazione di Giunta n. 333 del 22/11/2018 ha deciso di procedere d’iniziativa pubblica alla redazione del Piano affidando il compito al Centro di geotecnologie della Università di Siena. Il percorso è diventato operativo con la determinazione dirigenziale n. 2927 del 14/12/2018 e con la successiva sottoscrizione da parte del dirigente di settore, dott. Fabio Mauro Mercadante, di un’apposita convenzione con il Centro di geotecnologie

Considerati i tempi stretti a disposizione è stato concordato con i tecnici del Cgt di procedere per step privilegiando i bacini che contengono cave per le quali andranno per prima a scadere gli atti di concessione ed autorizzazione alla escavazione e che potrebbero pertanto patire della mancanza di un piano attuativo rischiando l’eventuale blocco dell’escavazione.
I PABE del Comune di Massa sono quindi avviati con un unico procedimento ma si prevede di pervenire all’approvazione separata di singoli PABE per Bacini o gruppi di Bacini cui corrisponderanno diverse procedure valutative.
Martedì 9 aprile dalle ore 17 nella sala consiliare di palazzo civico si è tenuto l’incontro pubblico di presentazione di avvio procedimento per i piani attuativi dei bacini estrattivi.
Oltre al sindaco Francesco Persiani e ai rappresentanti della Giunta Municipale Pierlio Baratta e Paolo Balloni hanno partecipato il dirigente comunale Fabio Mauro Mercadante, i professori  Luigi Carmignani e Paolo Conte del Centro di geotecnologie dell’Università di Siena con i dottori dell'Università senese e i funzionari comunali  del settore Ambiente e Pianificazione territoriale incaricati di seguire il procedimento .
Il processo di formazione del Piano, secondo quanto previsto dalle normative regionali in materia di governo del territorio (l.r. 65/2014) e in materia di Valutazione Ambientale Strategica (l.r. 10/2010) deve svolgersi dando opportuno spazio ai momenti di confronto, informazione e partecipazione.
Pertanto, oltre alla pubblicazione formale degli atti e dei documenti relativi all’avvio del procedimento di VAS sul Portale dell’amministrazione trasparente viene garantita altresì l’accessibilità e la trasparenza di tutte le informazioni relative al procedimento attraverso la creazione di questa pagina web del Garante comunale dell’informazione e partecipazione.
I cittadini, i soggetti interessati e/o i portatori d’interesse potranno chiedere chiarimenti e ulteriori informazioni  in qualsiasi momento del percorso scrivendo una  mail all’indirizzo: daniela.lori@comune.massa.ms.it


PARTECIPAZIONE ON LINE - Fase preliminare
INVIA IL TUO CONTRIBUTO
Form on line attivo fino al 30 Aprile


Per informazioni e appuntamenti rivolgersi al Garante informazione e partecipazione: Dott.ssa Daniela Lori
- mailto: daniela.lori@comune.massa.ms.it;


In allegato, i documenti relativi all'avvio del procedimento e la corrispondente rassegna stampa dalla cronaca di Massa del Tirreno e della Nazione: